Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato.

INDIETRO
SALUTE E BENESSERE

Attenzione al colpo di calore

In estate bambini, anziani e animali sono più soggetti al colpo di calore. Cerchiamo di prevenirlo con le giuste precauzioni.

Che cos’è il “colpo di calore”


In estate si sente parlare molto spesso, e talvolta tristemente, di colpo di calore. Ma cos’è esattamente e come evitarlo? Quando si parla di colpo di calore si intende una situazione di stress alla quale viene sottoposto l’organismo in condizioni di elevate temperature. In particolare, il colpo di calore può insorgere a causa di uno shock termico con incremento rapido della temperatura corporea.

Se ci ritroviamo in una situazione in cui la temperatura è elevata, o si alza velocemente e non si ha la possibilità di farla scendere, il nostro innato meccanismo di termoregolazione (che consente il mantenimento di una temperatura corporea interna pressoché costante indipendentemente dalle condizioni ambientali, e tipico di tutti i mammiferi) va in tilt e non è più in grado di correre ai ripari.


Se la termoregolazione va in tilt


In condizioni normali, di fronte a un caldo eccessivo, il nostro corpo reagisce con un aumento della sudorazione e con una vasodilatazione cutanea (che permettono di disperdere il calore in eccesso attraverso l’evaporazione), ma nel caso del colpo di calore invece, a un certo punto la sudorazione si arresta e la temperatura corporea inizia a salire senza più riuscire a scendere, a meno che non cambino rapidamente le condizioni ambientali. È per questo che se un bambino, un anziano o un animale rimane chiuso troppo a lungo nell’abitacolo di un’auto, con il caldo e la mancanza di aria, può andare incontro a traumi irreversibili che possono portare anche alla morte.

Rimanere chiusi dentro un’auto è ovviamente uno dei casi più eclatanti ma in diverse altre situazioni si può incorrere nel colpo di calore. Questo infatti può insorgere anche se siamo in ambienti completamente aperti, dove però non abbiamo ombra o aria che circoli a sufficienza. Ecco perché è sempre tanto importante, in estate, non farsi mai mancare una bottiglia d’acqua. Bere o bagnarsi con acqua fresca è fondamentale per far scendere la temperatura corporea nel caso questa si alzi troppo.


Sintomi e consigli


Le cose comunque non accadono senza che si possa avere il tempo di reagire: il nostro corpo invia segnali ben precisi, e talvolta i sintomi possono insorgere a distanza di un paio di giorni. Tra i sintomi più frequenti del colpo di calore immediato vi sono, appunto, l’arresto della sudorazione, l’aumento della temperatura corporea, disidratazione, mal di testa, disorientamento, tachicardia, nausea e talvolta perdita dei sensi. Nei casi di colpi di calore i cui sintomi si presentano a distanza di molte ore o addirittura di un paio di giorni, possono insorgere anche vomito e febbre. Ricordate poi che la temperatura dei vostri animali (in particolare gatti e cani), così come quella dei bambini piccoli, è più elevata rispetto a quella di un uomo adulto e che perciò è a maggior ragione fondamentale evitare di metterli a rischio.

Di norma perciò, in estate è sempre buona regola evitare di uscire nelle ore più calde, ridurre al minimo le situazioni in cui si può essere esposti a calore eccessivo e non uscire mai senza avere con sé una massiccia dose di acqua: questa, più di qualunque altra cosa è in grado di risolvere una situazione che altrimenti potrebbe diventare davvero insostenibile.

Attenzione al colpo di calore
Attenzione al colpo di calore

Articoli Correlati

Disclaimer

CoGeDi International SpA intende offrire, tramite il magazine online "Alla Salute", informazioni a titolo indicativo e di carattere generale in relazione alla propria attività e, sebbene queste ultime vengano costantemente verificate ed aggiornate da personale competente ed appositamente selezionato, può avvenire che alcuni contenuti testuali presenti all’interno del magazine on line, soprattutto in funzione della grande varietà degli stessi, non siano da considerarsi esaustivi relativamente al tema trattato. Pertanto, in occasione della navigazione sul Sito web, l’utente deve svolgere una autonoma ed ulteriore verifica circa la completezza delle informazioni ivi riportate, poiché Cogedi non garantisce che tutte le informazioni presenti siano complete e veritiere e non può quindi assumere alcuna responsabilità in merito.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER