Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato.

INDIETRO
FAMIGLIA

QUANDO I BAMBINI NON VOGLIONO BERE ACQUA

Acqua: idratazione e bambini, consigli e quantità

Non tutti i bambini si "ricordano" di bere l'acqua, alcuni sembra proprio che non sentano lo stimolo della sete. Ma l'acqua è un elemento fondamentale per attivare il metabolismo fin dalla nascita: se incontriamo la loro opposizione è necessario correre ai ripari per evitare ogni tipo di spiacevole conseguenza.

Nei neonati, l'acqua corporea costituisce l’80% del loro peso, con un rischio di disidratazione ben cinque volte superiore a un adulto. Basti pensare che un bambino deve integrare circa un litro di liquidi al giorno, spesso assunti attraverso il latte, che aumentano notevolmente se colpito da malattie che includono perdite acquose.

L’abitudine a bere molta acqua - quotidianamente - va trasmessa ai nostri piccoli fin dalla prima infanzia e se proprio non ne vogliono sapere raccontiamo loro del potere “magico” di questo prezioso elemento, componente essenziale in quell’ingranaggio perfetto che è il corpo umano, imprescindibile per diventare ogni giorno più grandi e forti, proprio come dei veri supereroi! Qualora non bastasse, aiutiamoci con qualche piccolo trucchetto...

Diamo loro l’abitudine, magari a merenda, di bere il tè o infusi come i grandi, proponendo loro tisane dal gusto delicato o acque aromatizzate. Camomilla e finocchio, le più indicate.

Offriamo loro da bere in un bicchiere dalla forma divertente e giocosa, oppure decorato con i suoi personaggi preferiti.

Proponiamo loro di bere con la cannuccia. Ce ne sono di mille colori, forme e con tanti simpatici arzigogoli.

È bene anche sapere che l’acqua non solo è fondamentale per il benessere del nostro corpo, ma aiuta i nostri figli anche a scuola mantenendo alto il livello di attenzione (pare che una lieve riduzione dell’1-2% dell’acqua corporea diminuisca del 10% la concentrazione) e contrasta le cause della disidratazione generate dallo stress psicologico colpevole tra l'altro di sottrarre acqua alle cellule. Bere dunque aiuta il cervello a memorizzare, a ricordare informazioni e attiva la comunicazione elettrochimica tra il cervello e il sistema nervoso. Mai sottovalutarne l’importanza!

Ma come fare a capire qual è la quantità giusta da fargli bere ogni giorno?

I LARN, Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed Energia, della Società Italiana di Nutrizione Umana, ci forniscono un’utile tabella circa i quantitativi necessari a soddisfare i fabbisogni di bambini e adolescenti, tenendo sempre presente che una parte di acqua è contenuta anche nei cibi che consumiamo:

- Bambini tra 1-3 anni: 1.200 ml di acqua al giorno
- Bambini tra i 4-6 anni: 1.600 ml di acqua al giorno
- Bambini tra i 7-10 anni: 1.800 ml di acqua al giorno
- Maschi tra gli 11-14 anni: 2.100 ml al giorno
- Maschi tra i 15-17 anni: 2.500 ml al giorno
- Femmine tra gli 11-14 anni: 1.900 ml al giorno
- Femmine tra 15-17: 2.000 ml al giorno.

QUANDO I BAMBINI NON VOGLIONO BERE ACQUA

Articoli Correlati

Disclaimer

CoGeDi International SpA intende offrire, tramite il magazine online "Alla Salute", informazioni a titolo indicativo e di carattere generale in relazione alla propria attività e, sebbene queste ultime vengano costantemente verificate ed aggiornate da personale competente ed appositamente selezionato, può avvenire che alcuni contenuti testuali presenti all’interno del magazine on line, soprattutto in funzione della grande varietà degli stessi, non siano da considerarsi esaustivi relativamente al tema trattato. Pertanto, in occasione della navigazione sul Sito web, l’utente deve svolgere una autonoma ed ulteriore verifica circa la completezza delle informazioni ivi riportate, poiché Cogedi non garantisce che tutte le informazioni presenti siano complete e veritiere e non può quindi assumere alcuna responsabilità in merito.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER