Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato.

INDIETRO
FAMIGLIA

Quanta acqua consumiamo a casa nostra?

In Italia, ognuno di noi, consuma all’incirca 200 litri di acqua al giorno. Come sono distribuiti i consumi idrici domestici di una famiglia?

Acqua, una questione di famiglia

La rassicurante presenza dell’acqua scandisce le nostre giornate. Ci alziamo, andiamo in bagno, tiriamo lo sciacquone, ci laviamo il viso e i denti, magari facciamo una bella doccia prima di uscire. Andiamo a lavorare e quando rientriamo lei è sempre lì, fedele che ci aspetta: ci laviamo le mani, laviamo la verdura per preparare la cena, facciamo bollire l’acqua per la pasta, laviamo i piatti o li mettiamo nella lavastoviglie…

Questi gesti automatici li compiamo ogni giorno, con fiducia e disinvoltura, perché la nostra acqua è sempre pronta per l’uso.

Aiuto, manca l’acqua!

Ma poi basta che per qualche motivo (per esempio quando vengono effettuati lavori alla rete idrica) si debba stare una mezza giornata senz’acqua e quelle poche ore ci sembrano interminabili. Ci rendiamo conto di quanto pesi la mancanza di acqua e, se possiamo, arriviamo all’appuntamento già ben equipaggiati, riempiendo bottiglie e pentole.

Vi è mai capitato? Probabilmente sì, come vi sarà anche capitato che nonostante tutti gli sforzi per arginare il problema, nonostante le innumerevoli bottiglie e pentole riempite preventivamente, alla fine l’acqua non basti lo stesso. Ecco, questo semplice esempio rende molto bene l’idea di quanta acqua consumiamo ogni giorno senza rendercene conto.

L’acqua in cifre

Si parla di circa 200 litri al giorno pro capite, che in una famiglia vanno moltiplicati per il numero dei componenti. Tanto per dare un po’ di cifre: ogni volta che tiriamo lo sciacquone se ne vanno dai 10 ai 20 litri; per una doccia di cinque minuti abbiamo bisogno di 60-70 litri, mentre se vogliamo rilassarci dentro la vasca da bagno, la cifra sale a 100 litri; se laviamo i piatti a mano ci serviranno circa 50 litri di acqua, mentre per una lavatrice si va dai 70 ai 100 litri. Ovviamente l’acqua ha un costo, che aumenta soprattutto in estate e ancor più se abbiamo un giardino da innaffiare.

Attenzione fa rima con riduzione

Come fare per tagliare la bolletta? L’operazione è molto più semplice di quanto si immagini e può portarci a un risparmio del 30-40%. Ridurre il consumo dell’acqua, infatti, richiede solo qualche attenzione in più.

È stato stimato che ognuno di noi, senza rendersene conto, consuma molto più del necessario per semplice disattenzione o abitudine. Come ovviare al problema? Semplice: restando concentrati ogni volta che siamo in casa. Quando andiamo in bagno e tiriamo lo sciacquone, premiamo il pulsante più piccolo; se invece abbiamo un vecchio sciacquone, sarà sufficiente inserire un paio di mattoni o due bottiglie d’acqua all’interno della cassetta per ridurre il consumo di qualche litro. Quando ci laviamo i denti o ci facciamo la barba, non lasciamo scorrere l’acqua inutilmente, e la stessa cosa vale per quando ci facciamo la doccia. Se dobbiamo acquistare un elettrodomestico nuovo, assicuriamoci che sia almeno di classe A e usiamolo solo a pieno carico. Non laviamo i piatti a mano: con la lavastoviglie si consumano oltre 70 litri di acqua in meno.

Vi accorgerete presto che con qualche piccola attenzione in più la riduzione dei consumi è assicurata e il vostro portafoglio vi ringrazierà. In più avrete fatto un favore all’ambiente.

Quanta acqua consumiamo a casa nostra?
Quanta acqua consumiamo a casa nostra?

Articoli Correlati

Disclaimer

CoGeDi International SpA intende offrire, tramite il magazine online "Alla Salute", informazioni a titolo indicativo e di carattere generale in relazione alla propria attività e, sebbene queste ultime vengano costantemente verificate ed aggiornate da personale competente ed appositamente selezionato, può avvenire che alcuni contenuti testuali presenti all’interno del magazine on line, soprattutto in funzione della grande varietà degli stessi, non siano da considerarsi esaustivi relativamente al tema trattato. Pertanto, in occasione della navigazione sul Sito web, l’utente deve svolgere una autonoma ed ulteriore verifica circa la completezza delle informazioni ivi riportate, poiché Cogedi non garantisce che tutte le informazioni presenti siano complete e veritiere e non può quindi assumere alcuna responsabilità in merito.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER