Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato.

INDIETRO
SCIENZE

Chi davvero non spreca neanche un po’ di acqua? Gli astronauti

Nelle navicelle spaziali è essenziale occupare poco spazio con scorte alimentari o idriche e sprecare il meno possibile. Infatti gli astronauti riescono a riciclare il 97% dei loro liquidi. Vediamo come.

A bordo della ISS

Qui sulla Terra ci affanniamo moltissimo per cercare di ridurre il più possibile i consumi, riciclando i materiali e regalando loro una nuova vita, ma non sempre ce la facciamo. C’è un posto però, nello spazio, dove non si butta via niente, tanto meno l’acqua, e dove il concetto di “rifiuto” semplicemente non esiste e tutto, ma proprio tutto, viene riciclato. Questo posto è la ISS, la Stazione Spaziale Internazionale, che ha ospitato a bordo molti nostri connazionali, da Luca Parmitano a Samantha Cristoforetti a Paolo Nespoli. La ISS orbita intorno alla Terra, alla velocità di 27.600 km/h, e dal novembre del 2002 è abitata da astronauti provenienti da tutto il mondo, che si alternano periodicamente e che vivono lì per molti mesi a scopo di studio. La ISS, infatti, è un vero e proprio laboratorio spaziale, il più sofisticato che si possa immaginare. Vi si sviluppano nuove tecnologie aerospaziali, si studia la microgravità e al suo interno gli astronauti conducono esperimenti di medicina, chimica, biologia, fisica e fisiologia, conducendo al tempo stesso osservazioni meteorologiche e astronomiche. Ma come vivono gli equipaggi all’interno della ISS?

Usare l’acqua nello Spazio

Di base, vivere in una stazione spaziale significa vivere in un ambiente ristrettissimo. Ci si porta dietrosolo l’essenziale e tutto ciò che sale a bordo deve occupare uno spazio minimo. Questo vale anche per gli alimenti e per tutti i beni di prima necessità: per questo motivo è essenziale riciclare. L’acqua, che è un bene primario, indispensabile alla sopravvivenza di qualunque essere vivente, anche nello Spazio, deve esserci. Portarne un litro a bordo però costa migliaia di euro. il che esclude il suo approvvigionamento dalla Terra. Come fare, quindi per averne sempre a disposizione? All’interno della ISS esistono due sistemi: il più vecchio, messo a punto dai russi, prevede di filtrare e purificare il vapore acqueo prodotto dal respiro dei componenti dell’equipaggio, il loro sudore e l’acqua che utilizzano per lavarsi. L’altro, più moderno, consiste nel riciclare la propria urina e quella degli animali presenti a bordo (generalmente, topi da laboratorio). Tutto ciò è possibile grazie a un sofisticatissimo impianto di trasformazione, l’Urine Processing Assembly, da cui proviene il 93% dell’acqua utilizzata a bordo. Ciò che più stupisce noi “terrestri” è sentire i racconti degli astronauti, quando ci assicurano che l’acqua così prodotta è purissima.

Le altre attività quotidiane

E per le altre necessità quotidiane? Beh, fare il bucato è impossibile: una volta usati, gli indumenti vengono letteralmente dati in pasto ai batteri. Per dormire si usa un sacco a pelo ancorato al muro, e molti astronauti riferiscono che il sogno più ricorrente è quello di fluttuare nel vuoto. Per lavarsi i capelli si usa un beccuccio speciale che eroga acqua e uno shampoo che non richiede risciacquo; il phon non è utilizzabile, e bisogna attendere che i capelli si asciughino da soli. Per mangiare, i cibi solidi sono serviti su un vassoio magnetico mentre quelli liquidi e le bevande vengono bevuti con la cannuccia. I rifiuti, compresi quelli organici, vengono letteralmente disintegrati!

Chi davvero non spreca neanche un po’ di acqua? Gli astronauti
Chi davvero non spreca neanche un po’ di acqua? Gli astronauti

Articoli Correlati

Disclaimer

CoGeDi International SpA intende offrire, tramite il magazine online "Alla Salute", informazioni a titolo indicativo e di carattere generale in relazione alla propria attività e, sebbene queste ultime vengano costantemente verificate ed aggiornate da personale competente ed appositamente selezionato, può avvenire che alcuni contenuti testuali presenti all’interno del magazine on line, soprattutto in funzione della grande varietà degli stessi, non siano da considerarsi esaustivi relativamente al tema trattato. Pertanto, in occasione della navigazione sul Sito web, l’utente deve svolgere una autonoma ed ulteriore verifica circa la completezza delle informazioni ivi riportate, poiché Cogedi non garantisce che tutte le informazioni presenti siano complete e veritiere e non può quindi assumere alcuna responsabilità in merito.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER