Curiosità, consigli e approfondimenti da bere tutti d’un fiato.

INDIETRO
SCIENZE

Da dove viene l’acqua della Terra?

Le teorie sull’origine dell’acqua del nostro pianeta sono state molte. Da anni gli scienziati sono impegnati a dare una risposta a questa domanda. Ultimamente però, sembra che siano sempre più vicini alla verità.

Visto dallo Spazio, il nostro pianeta appare completamente azzurro, e infatti il suo soprannome è proprio “pianeta blu”. Effettivamente, abbiamo chiamato il nostro pianeta Terra, ma forse sarebbe stato più appropriato chiamarlo Acqua, visto che quasi due terzi della superficie terrestre sono costituiti proprio da questo elemento. Ma da dove arriva tutta quest’acqua? Quando si è formata? E soprattutto qual è la sua natura?

Negli anni, gli scienziati hanno elaborato numerose teorie in merito. Le più accreditate sono due: secondo la prima, l’acqua si sarebbe formata per la condensazione, a partire da nubi e gas, dovuta al raffreddamento della Terra durante il suo processo di formazione; la seconda, invece, ipotizza che l’acqua sul nostro pianeta abbia un’origine cosmica, e che sia arrivata fin qui per la caduta di meteoriti e asteroidi, ma soprattutto di comete, che sono formate, appunto, prevalentemente dighiaccio.

Gli studi sulla cometa Hartley 2

Su quest’ultima teoria si sono molto concentrati gli studi più recenti. In particolare, pare che almeno il 10% dell’acqua presente sulla Terra potrebbe derivare proprio dalle comete. L’ipotesi, formulata da Paul Hartogh, astronomo del Max Planck Institute for Solar System, è basata soprattutto sulle misurazioni effettuate dall’osservatorio Herschel dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea, e dalla NASA. Gli studi si sono concentrati su una cometa in particolare, denominata Hartley 2, la cui composizione in acqua è pressoché identica a quella dei nostri oceani.

Lo studio è stato condotto analizzando anche altri tipi di comete, ma soltanto questa ha presentato una somiglianza tanto netta con la composizione dell’acqua presente sul nostro pianeta. Da considerare anche che le comete indiziate come portatrici di acqua sulla Terra sono soltanto quelle che hanno avuto origine più vicino a noi, nella cosiddetta Fascia degli Asteroidi, o Fascia di Kuiper. Sembra proprio che questo particolare sia considerato fondamentale per avvalorare la teoria di Hartogh.

Un’origine lontana

Si tratta di studi estremamente difficoltosi da portare avanti, soprattutto perché si sta parlando di un fenomeno – quello dell’arrivo di acqua sulla Terra – avvenuto circa 8 milioni di anni fa. Un’enormità di tempo, anche se nella realtà dei fatti neppure troppo se paragonato con l’origine stessa del nostro pianeta, che secondo tutte le teorie ormai accettate, ha avuto origine addirittura 4 miliardi e 564 milioni di anni fa.

Dal momento però che in origine la Terra era un ammasso di fuoco, l’acqua non avrebbe potuto trovare le condizioni per mantenersi allo stadio liquido a causa delle temperature proibitive. Resta comunque il fatto che aver scoperto una cometa dalla composizione tanto simile a quella della nostra acqua, fa sperare che ci possano essere altre comete simili, e questo potrebbe significare che la percentuale di acqua di origine cosmica potrebbe essere superiore al 10% ipotizzato finora. Gli studi proseguono e sicuramente, nei prossimi anni, arriveranno nuove incredibili notizie su questo mistero su cui da sempre gli scienziati si interrogano.

Da dove viene l’acqua della Terra?
Da dove viene l’acqua della Terra?

Articoli Correlati

Disclaimer

CoGeDi International SpA intende offrire, tramite il magazine online "Alla Salute", informazioni a titolo indicativo e di carattere generale in relazione alla propria attività e, sebbene queste ultime vengano costantemente verificate ed aggiornate da personale competente ed appositamente selezionato, può avvenire che alcuni contenuti testuali presenti all’interno del magazine on line, soprattutto in funzione della grande varietà degli stessi, non siano da considerarsi esaustivi relativamente al tema trattato. Pertanto, in occasione della navigazione sul Sito web, l’utente deve svolgere una autonoma ed ulteriore verifica circa la completezza delle informazioni ivi riportate, poiché Cogedi non garantisce che tutte le informazioni presenti siano complete e veritiere e non può quindi assumere alcuna responsabilità in merito.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER